domenica 26 novembre 2017

Il cannibalismo che piace

Marina Fani

Ad agosto gli "espropriati" ossia latifondisti bianchi "ex" coloni  "chiedono" di essere risarciti della terra non proprio loro, allo Zimbawe dove Mugabe attuò la riforma agraria. Nell'ultimo mese, coincidenza, la stampa "che sta dalla parte degli ultimi" , intensifica le accuse contro il socialista patriota Mugabe con il solito corollario di storie che si attribuiscono ai "dittatori" (quelli che non ci stanno a farsi cannibalizzare delle companies) , genocidio, arricchimento personale (eh già, mica come i nostri rappresentanti europei ed occidentali che si tolgono il pane di bocca per sfamare i disoccupati ed indigenti) fino ad arrivare al modo "stravagante" di vestirsi, manco fosse reato....
Ed ora che Mugabe si è dimesso ( e chissà chi c'era ad operare sul campo per sobillare le folle) quelle terre scommetto rimarranno di proprietà dei 4100 "agricoltori" stranieri. Tutta la stampa sostiene che questa riforma abbia peggiorato la distribuzione delle risorse agricole, ma perché gli "agricoltori bianchi" coltivavano la terra quasi a gratis solo per il gusto di sfamare gli indigeni??

SOTTO L'ART SUL LAND GRABBING CHE STA PER CANNIBALIZZARE IL MOZAMBICO, ALTRI DETTAGLI SUL "MOVENTE" CHE HA TRASFORMATO MUGABE NEL MOSTRO per la stampa occidentale tanto tanto "filantropa". Può essere che Robert Mugabe non sia uno stinco di santo, difficilmente chi lotta per la liberazione del proprio popolo (almeno vale solo per la storia dell'occidente??) lo abbia fatto a tavolino giocando a carte, ma scusate se non credo ad una parola delle accuse rivolte a chi la stampa su ordine del potere trasforma in mostro, ci hanno mentito troppe volte, SEMPRE.

Le big companies espropriano, loro scappano (quelli che hanno i soldi per farlo) ed approdano in Italia, dove li "risarciamo" (appunto, i più "ricchi" che possono permettersi un biglietto, quindi una esigua parte) con i nostri soldi del danno subìto. Geniale, chapeau, maledetta elite. Profitto doppio.

Mozambico: land grabbing per la carta

Un progetto colossale: trasformare vaste aree dell’Africa in piantagioni per la produzione di carta. Sembra un vecchio sogno coloniale nel cuore del Mozambico, ma è storia di oggi. Dietro c’è la portoghese “The Navigator Company” e la sua filiale locale Portucel Mozambique. Le associazioni locali sono profondamente preoccupate per gli impatti sui mezzi di sussistenza delle popolazioni locali e sulla biodiversità. Il progetto ha già creato enormi danni, con numerose famiglie di contadini forzate a cedere la propria terra o convinte a transazioni-truffa da intermediari senza scrupoli, e ora si ritrovano senza mezzi di sostentamento. Anche le restanti aree di foresta asciutta (Miombo) sono in pericolo, poiché una parte di esse sarà convertita in piantagione, mentre le restanti saranno sottoposte alla pressione di contadini rimasti senza terra, o senza foreste in cui raccogliere legna o altri prodotti.

Un rapporto, “A Land Grab for Pulp” (land grabbing per la cellulosa – Il rapporto in inglese (PDF), lo potete scaricare QUI ) è stato pubblicato dall’Environmental Paper Network, assieme ad associazioni del Mozambico e del Portogallo, e spiega esattamente dove si svolge l’accaparramento di terra e include testimonianze di contadini che hanno perso la terra da cui dipendono per la sussistenza, in cambio di lavoro a breve termine (come arare il proprio stesso orto, per poi essere licenziati) e ora debbono cercare terra in luoghi remoti. Il rapporto mette in dubbio se sia stata effettuata una autentica consultazione delle popolazioni sotto impatto (sulla base del principio del consenso previo e informato). Il rapporto analizza anche i rischi e gli impatti ambientali del progetto, che convertirà l’habitat forestale e la biodiversità del Miombo in piantagioni monocolturali.
17.11.2017
http://www.environmentalpaper.eu/a-land-grab-for-pulp-a-report-on-portucel-mozambique/

Zimbabwe: proprietari bianchi chiedono “giustizia e risarcimenti” per riforma agraria
Harare, 22 ago 2017 - (Agenzia Nova) - I proprietari bianchi che hanno perso i propri terreni agricoli a seguito della controversa riforma agraria lanciata nel 2000 dal presidente dello Zimbabwe, Robert Mugabe, hanno avviato una “iniziativa legale” per ottenere “giustizia e risarcimenti”. Lo riporta il quotidiano locale “New Zimbabwe”. Gli agricoltori sono sostenuti da un gruppo sudafricano per i diritti civili, AfriForum, che ha sollevato il caso davanti alla Comunità di sviluppo dell’Africa australe (Sadc). Nella petizione presentata si legge che l’avvio del procedimento è stato già notificato al presidente Mugabe e a tre ministri del governo di Harare.
Solo la scorsa settimana, in occasione delle celebrazioni della Giornata degli eroi, il presidente Mugabe ha dichiarato che i cittadini che a seguito della riforma agraria dello Zimbabwe hanno ucciso proprietari terrieri bianchi “non dovrebbero essere processati”. “Non porteremo mai davanti alla giustizia chi ha ucciso coloro che si sono opposti alla riforma. Continuo a chiedermi perché dovremmo arrestarli”, ha affermato il capo dello Stato di Harare. Parole che non hanno mancato di scatenare un vespaio di polemiche, in particolare sui social network, dopo un periodo in cui a chiedere le dimissioni del 93enne Mugabe, intenzionato a candidarsi anche alle prossime elezioni presidenziali, era stata messa in dubbio persino da veterani del partito al potere, lo Zanu-Pf.

La riforma agraria voluta da Mugabe ebbe inizio nel 2000 con la confisca di terreni a circa 4 mila proprietari bianchi, cui era rimasto il controllo delle migliori terre coltivabili del paese anche dopo la fine del processo di decolonizzazione. In seguito, lo stesso capo dello Stato avrebbe ammesso il fallimento della riforma, che secondo gli osservatori sarebbe alla base della profonda crisi economica tuttora attraversata dallo Zimbabwe. “Credo che abbiamo dato troppi terreni alla nostra gente. Non sono in grado di gestirli”, avrebbe dichiarato Mugabe nel 2015. (Res)

https://www.agenzianova.com/a/59a4072f392483.56159611/1628199/2017-08-22/zimbabwe-proprietari-bianchi-chiedono-giustizia-e-risarcimenti-per-riforma-agraria/linked

estratto da un art del 2010 de Il Giornale Zimbabwe, il 40% delle terre dei bianchi agli amici di Mugabe

Gli espropri hanno favorito l'elite vicina al dittatore, beffati i neri poveri che secondo la propaganda di regime dovevano trarne vantaggio.Una «nuova elite nera di circa 2.200 persone, controlla - ha scritto l'agenzia - quasi la metà delle terre più redditizie espropriate a circa 4.100 agricoltori bianchi».  Prima del 2000, data di inizio della campagna di espropri forzosi - scrive l'agenzia - 4.500 membri della Commercial farmers' Union, in prevalenza bianchi, e 1.500 altri agricoltori bianchi non affiliati possedevano quasi 15 milioni di ettari delle terre migliori del Paese dell'Africa australe. Dieci anni dopo, ne rimangono meno di 400.
http://www.ilgiornale.it/news/zimbabwe-40-delle-terre-dei-bianchi-agli-amici-mugabe.html

Quindi sarebbe normale che ci siano 4100 "agricoltori" bianchi in una terra che non è loro?  e difatti in un art del TIcino on line datat 24.06.2002 li chiama con il loro nome: latifondisti

Zimbabwe: riforma agraria, scade ultimatum per latifondisti
HARARE - Ancora il problema agrario in primo piano in Zimbabwe: per quasi 3.000 latifondisti bianchi scatta a mezzanotte il divieto di continuare a sfruttare la loro terra, ma molti di essi sono pronti a contravvenire all´ordine che causerebbe la perdita di tonnellate di raccolto.
L´ordine di interrompere la coltivazione dei latifondi è l´ultimo tentativo, da parte del governo del presidente Robert Mugabe, nell´annosa battaglia per ´sequestrare´ la terra ai bianchi e redistribuirla alla popolazione nera. Una mossa necessaria, secondo il governo, per riequilibrare la situazione iniqua creata durante il periodo coloniale.
Il governo di Mugabe ha emendato la legge sull´acquisizione della terra il 10 maggio, ordinando ai latifondisti proprietari di terra destinata all´esproprio di fermare qualsiasi attività entro 45 giorni. Essi dovrebbero evacuare le rispettive proprietà entro il 10 agosto.
In base alla legge, un proprietario terriero rischia fino a due anni di prigione e/o una multa se non cessa, dalla mezzanotte di oggi, ogni lavoro relativo all´azienda. Negli ultimi due anni i sostenitori di Mugabe hanno lanciato più volte violenti attacchi alle proprietà dei latifondisti facendo precipitare il paese nel caos, ma la scottante questione della redistribuzione della terra non è ancora stata risolta.
D´altra parte, obietta una portavoce dell´Unione dei proprietari terrieri, in questo modo verrebbe compromesso un raccolto di cereali, cruciale per il prossimo inverno, in un paese che già deve far fronte a una grave crisi alimentare.
http://www.tio.ch/estero/115884/zimbabwe--riforma-agraria--scade-ultimatum-per-latifondisti

un pò di coreografia, un genocidio con la collaborazione dell'"esperto" dittatore koreano

Robert Mugabe, presidente dello Zimbabwe dal 1987, attualmente detenuto dall'esercito, oltre che il capo di Stato più anziano del mondo (ha 93 anni), è anche uno dei più controversi. A renderlo discusso non sono però solo le violazioni dei diritti umani dei quali è accusato e lo stato pietoso nel quale ha ridotto l'economia del Paese, celebre per l'iperinflazione da Repubblica di Weimar, ma anche le colorite dichiarazioni, i lussi da satrapo e il pittoresco abbigliamento, (quando non è in giacca e cravatta, sembra un incrocio tra una star del rap e un gangster dei bassifondi). È anche per queste bizzarrie che Mugabe, pur non essendo altrettanto sanguinario, entrerà nella storia, a fianco di Bokassa e Idi Amin, come uno degli autocrati più improbabili e stravaganti che abbiano funestato l'Africa.

Ha utilizzato istruttori nordcoreani per la pulizia etnica
Nel 1983, quando Mugabe ancora era primo ministro, il governo di Harare scatenò un massacro durato anni nei confronti dei cittadini di etnia Ndebele, i discendenti degli Zulu che vivevano in quelle terre. Si calcola che i civili uccisi furono 20 mila, sterminati dalla temutissima Quinta Brigata dell'esercito dello Zimbabwe, addestrata da 106 istruttori nordcoreani dei quali Mugabe aveva chiesto appositamente l'invio all'allora dittatore nordcoreano Kim Il Sung. Altre migliaia di persone finirono nei campi di concentramento
di FRANCESCO RUSSO 15 novembre 2017, 17:12
tratto da
https://www.agi.it/estero/arresto_robertmugabegolpe_zimbabwe-2929524/news/2017-11-15/

Nessun commento: